Sprint Finale

Le deadline per esami e temi finali incombono, e le biblioteche del campus – aperte 24 ore su 24 – vedono sempre più studenti passare le notti di fronte ai loro laptop, penna in una mano e bicchierone di caffè nell’altra.

A venti giorni da LDOC, “last day of class,” c’è ancora molto da fare qui a Duke per noi student-athletes. Ad eccezione dei cestisti! Duke Basketball è stata infatti eliminata ai quarti di finale della March Madness da Michigan State. Un fallimento che qua nel campus non è stato preso nel migliore dei modi, viste le alte aspettative di vittoria che tutti riponevano nella squadra. “The Fab Five,” così era stato definito il quintetto di Duke, alludendo ad una delle più forti squadre del college basketball di sempre.

Noi di Duke Soccer, un po’ annoiati dato che la stagione riprende ufficialmente ad agosto, siamo al momento impegnati in un torneo con le migliori squadre collegiali della costa est. Siamo appena tornati dalla South Carolina, dove sabato abbiamo giocato, e vinto ai rigori, contro Clemson. Questo mini torneo di otto squadre giungerà alla conclusione sabato prossimo, quando sfideremo la University of Virginia nella finale per il terzo o quarto posto. Queste partite sono tutte occasioni per migliorare quegli automatismi di squadra che, in un sistema calcio limitato come quello del college, sono davvero difficili da sviluppare.

Anche la scuola si approccia a tirare i conti. Le deadline per esami e temi finali incombono, e le biblioteche del campus – aperte 24 ore su 24 – vedono sempre più studenti passare le notti di fronte ai loro laptop, penna in una mano e bicchierone di caffè nell’altra. Dopodiché, anche per questo semestre, è tutto. Ancora quattro mesi e sarò un Duke graduate!

Quelli che come me si laureano a dicembre (un semestre prima del previsto), possono prendere parte alla cerimonia celebrativa già questo maggio. Qui in America gli studenti si laureano tutti insieme, e la festa, il cosiddetto “Commencement,” è unica per tutti i laureandi. Indosserò gown, tam & hood, o in altre parole il vestito nero che tanto abbiamo ammirato nei film e telefilm hollywoodiani. Domenica 12 maggio sarà giornata da foto ricordo!

Poi è tempo di estate, progetti calcistici, e, possibilmente, un altro tirocinio giornalistico. Ma ora basta fantasticare. C’è da pensare a finire in bellezza!

Annunci

Duke, where Journalism Matters.

Personalità giornalistiche di caratura internazionale mi insegnano alcuni segreti della pratica. What an honor!

Settimana all’insegna del giornalismo a Duke.

Lunedì è venuto a trovarci in classe Tim Golden, famoso reporter investigativo per il New York Times. Due volte vincitore del premio Pulitzer, Golden è particolarmente rinomato per avere ottenuto file top-secret riguardanti il trattamento disumano nei confronti dei prigionieri iracheni per mano dell’esercito americano negli anni successivi agli attacchi dell’11 settembre 2001. Le storie più scottanti di Golden sono quelle sui centri di detenzione di Abu Ghraib, in Iraq, e Guantánamo Bay, a Cuba.

Mercoledì, invece, durante una lezione del corso di fact-checking, ci siamo collegati via Skype con fact checkers internazionali. Dalla Turchia, Baybars Örsek, nuovo direttore dell’International Fact-Checking Network (IFCN), ha spiegato il ruolo sociale che i fact checkers ricoprono in Turchia: questi non si occupano solo di verificare le frasi dei politici (come fanno i fact checkers nella maggior parte dei Paesi nel mondo), ma valutano anche la veridicità dei dubbi riguardanti temi importanti come l’economia, l’educazione, e la sanità. In collegamento dal Brasile, Cristina Tardáguila ci ha spiegato come lei abbia dovuto sopravvivere a minacce e insulti per fare fact-checking durante le turbolenti elezioni presidenziali del 2018. Alexios Mantzarlis, giornalista poliglotta e co-fondatore del sito italiano di fact-checking Pagella Politica, ha parlato di quando è andato live su Rai 2 per verificare frasi e dichiarazioni di alcuni politici italiani. Come ex direttore dell’IFCN, Mantzarlis ha anche spiegato i passi che un’organizzazione di fact-checking deve compiere per poter ambire ad essere un firmatario dell’IFCN.

Più politico il discorso di John Kelly giovedì a Duke. Capo di gabinetto della Casa Bianca e consigliere di Trump fino a gennaio 2019, Kelly è contrario alla costruzione del muro in Messico e identifica il clima di forte polarità in Congresso come il principale ostacolo per il decision-making del governo attuale.

Intanto lo spring break è arrivato, e si vede: il campus si è trasformato in un deserto. Io ho sfortunatamente dovuto rinunciare ai miei piani di allenarmi con una squadra della Major League Soccer. Per motivi logistici sono alla fine rimasto a Duke, e mi unirò ad una squadra di serie B americana in North Carolina per alcune sessioni di allenamento durante questa settimana.

Marzo, Mese molto Caldo

Max Allegri dice sempre che “marzo è il mese più importante dell’anno.” Vediamo allora che succede a Duke in questo periodo!

Partita primaverile in tutti i sensi quella di sabato. Diciotto gradi, sole, e un ritmo di gioco da rivedere.

Sul campo di erba artificiale di Chapel Hill non siamo riusciti a recuperare il gol di svantaggio maturato nei primi minuti di gioco contro l’Università della North Carolina. Uno a zero per loro il risultato finale. Per noi soltanto tante occasioni, un rigore da me fallito, e sprazzi di bel gioco.

Sabato è iniziata la Major League Soccer, un campionato che quest’anno seguirò da più vicino visti i miei obiettivi professionistici per la prossima stagione. Per quanto possa sembrare assurdo, la stagione MLS va da marzo ad ottobre, con il campionato che continua anche durante il caldo asfissiante di giugno e luglio. I favoriti rimangono Atlanta United (i campioni in carica), New York Red Bulls (la cui rosa può contare su due ex giocatori di Duke) e Los Angeles Galaxy. I nomi che fanno rumore sono sempre quelli delle star europee che, al tramonto della loro carriera, vengono in America in cerca di soldi, avventure, e perché no, per aprire nuovi business nel prosperoso mondo statunitense. Rooney e Ibra sono in cima a questa lista.

Per quanto riguarda il basket del college, ci avviciniamo alla March Madness (letteralmente, “Follia di Marzo”), il periodo più caldo dell’anno per questo sport. Si tratta dei playoff di college basketball in cui le migliori 64 squadre degli States si sfidano in gare ad eliminazione diretta. Non essendoci altri maggiori campionati in sessione (il football e baseball professionistici e collegiali sono off season, e l’NBA non è particolarmente seguita durante la sua regular season), la maggior parte dell’attenzione mediatica si concentra su questo torneo che coronerà un vincitore nazionale alla fine di marzo. Il presidente USA, come da tradizione, farà il suo pronostico in diretta nazionale compilando il tabellone con i nomi delle scuole dalla prima gara fino alla finalissima. Duke dovrà valutare se sarà in grado di recuperare la sua star Zion Williamson, altrimenti la rosa dei Blue Devils rimane troppo mediocre per poterla spuntare in questa competizione molto tosta.

Noi studenti entriamo intanto nell’ultima settimana di scuola prima del preannunciato spring break. Questa vacanza spezza in due il semestre sia dal punto di vista accademico che sportivo. Soprattutto, però, dà a noi studenti un attimo di respiro prima della cavalcata finale verso gli esami di fine semestre.

Bleeding Blue

Duke a 360 gradi!

Settimana movimentata in quel di Durham. Direttamente dai gradi più alti delle forze militari statunitensi, il generale Stanley McChrystal è venuto a Duke a raccontare aneddoti e oscure verità riguardo alla campagna militare americana in Afghanistan contro le forze terroristiche talebane. In occasione dell’evento, l’aula era piena e, nonostante McChrystal sia un killer addestrato, nessuno si è sentito particolarmente in pericolo durante la sua conferenza.

Sabato ho partecipato all’evento con i Duke Alumni, ovvero gli ex-studenti che occasionalmente tornano a fare visita al campus in cui hanno studiato e sono cresciuti. Dal palco io e altri tre student-athletes abbiamo risposto ad alcune domande personali e sulla squadra. Pranzo tutti insieme e poi via ad andare a vedere la partita di basket di Duke.

Eh sì perché il basket sta entrando nella sua fase più calda proprio in questo momento. La regular season sta per giungere al termine e la famosa March Madness (ne parlerò quando sarà il momento) prenderà presto la scena. Prima però, noi di Duke dobbiamo sfidare i rivali storici della University of North Carolina in Chapel Hill (o, in breve, UNC). Per farvi capire quanto la partita sia sentita, vi dico soltanto che gli studenti di Duke per assicurarsi il posto all’interno del piccolo Cameron Indoor Stadium campeggiano giorno e notte nel piazzale fuori dallo stadio da ormai un mese. Il match si gioca il 20 febbraio.

Nel frattempo Trump, sotto la forte pressione dei democratici che adesso possono fare la voce grossa avendo la maggioranza nella House, ha riaperto il governo. Ma soltanto per tre settimane, ha specificato il presidente, il quale vuole usare questi giorni per convincere l’opposizione a passare il piano per costruire il muro sul confine messicano. Cinque miliardi e 700 mila dollari è la cifra che Trump cerca di far approvare. Martedì ci sarà il State of the Union, il famoso discorso alla nazione che il presidente ha dovuto riprogrammare per via dello shutdown. Il muro e le migrazioni, le elezioni presidenziali del 2020, le tasse e i posti di lavoro, il rifiuto di cooperare da parte dell’opposizione, così come i progressi fatti fino ad ora, saranno i punti che il presidente toccherà durante il suo speech. E sicuramente manderà qualche frecciatine delle sue ai suoi nemici.

Io intanto sono rimasto fermo ai box un giorno per colpa dell’influenza. Niente allenamento, niente lezioni, e niente uscite con gli amici la sera: completamente off. Ma sono subito pronto a ripartire, da venerdì precisamente, quando andrò alla Scholarship Dinner con gli Iron Dukes, un altro evento in cui potrò incontrare i famosi “doners” e fare networking. Sarà una bella serata per vestirsi eleganti, cenare bene, e conoscere meglio questo mondo chiamato Duke.

A Pieno Regime

Si torna seriamente al lavoro sia a scuola che a calcio.

Grazie ad una delle persone più influenti della storia americana, questa settimana ci siamo goduti il weekend lungo. Il “MLK day,” il giorno di Martin Luther King, ci ha infatti regalato il day-off lunedì. Approfittando dell’assenza delle lezioni, abbiamo “fatto gruppo” anche domenica sera, e siamo così andati a fare serata con la squadra. Nel college, un ambiente in cui le distrazioni dal calcio sono tante, purtroppo non è facile creare il legame fra compagni. Ogni occasione diventa quindi buona per rimediare a questa assenza di spogliatoio.

Gli allenamenti in questa parte dell’anno sono faticosi. Durano tanto, in media due ore e mezza, e si dividono fra palla e pesi. Si comincia alle 10 sul campo, per poi passare alle 11:30 in palestra per un’altra ora di lavoro. L’obiettivo dei coach – e in generale, l’idea del semestre primaverile nei college – è quello di aumentare la massa muscolare dell’atleta e allo stesso tempo svilupparne capacità fisiche come resistenza e forza esplosiva. Tutti concetti sicuramente belli da sentire, ma molto più difficili da realizzare.

Intanto l’America si sta avvicinando allo State of The Union, il discorso che il presidente tiene alla fine di gennaio per fare un recap della situazione del Paese e avanzare nuove proposte. Col governo momentaneamente chiuso (ormai lo shutdown è in corso da un mese) per via della questione del muro in Messico, la gente si chiede ansiosamente cosa farà Trump.

Le tensioni si avvertono un po’ ovunque. Democratici e repubblicani sembrano non venire ad un compromesso, il che spaventa tanto l’opinione pubblica. Gli stessi guest speakers, ovvero le persone esterne che vengono a tenere conferenze o discussioni qua a Duke (come politici o giornalisti), non possono che imbattersi in questo tipo di conversazione e domandarsi cosa succederà. Perfino in classe, il contenuto delle mie lezioni si concentra spesso su questo tema bollente.

Per quanto riguardo questo fine settimana, sabato sono stato invitato a partecipare ad una cerimonia con gli Iron Dukes, ovvero gli ex-alunni che con le loro generose donazioni all’università permettono a me ed altri studenti-athletes di frequentare Duke tramite borse di studio. Sarà sicuramente un evento emozionante e una grande occasione per conoscere finalmente le facce di quelle persone che mi stanno facendo vivere questa esperienza incredibile.

Chicago, the Windy City

Completo elegante, medaglie, e sciarpa rossa marchiata “All-American” hanno reso il tutto molto professionale e coreografico.

Scendo dall’aereo e già sento il gelo che mi entra nelle ossa. Le città nordiche sapevo fossero fredde, ma Chicago esagera! Nonostante il vento pungente e le strade ricoperte di bianco (sabato è arrivata la neve), io non mi sono tirato indietro ed ho raggiunto tutti i punti d’interesse della mia bucket list.

Venerdì il mio weekend nella Windy City si è aperto, ironicamente, con “Una domenica pomeriggio sull’isola della Grande-Jatte,” il capolavoro artistico di Seurat situato all’interno del Chicago Institute of Art. Le lezioni liceali di storia dell’arte passate a studiare ed analizzare questo dipinto mi hanno legato talmente tanto a questa opera d’arte che mi sono sentito obbligato ad andare a vederla coi miei occhi. E che spettacolo!

Un’altra delle attrazioni “must-see” di Chicago è il Cloud Gate. Comunemente chiamato il “bean” per via della sua forma ovale e schiacciata ricordante un fagiolo, il Cloud Gate è una sorta di specchio gigante che occupa il centro della piazza al Millennium Park, il parco più famoso di Chicago. Il risultato di questa architettura? La città intorno si riflette sulle pareti di questo specchio, e di notte il gioco di luci è mozzafiato.

Girovagando per la città tutto solo, una mattina mi sono imbattuto in un Nutella Cafè. Costretto ad entrare per verificarne l’autenticità, ho fatto ricadere la mia scelta su una crêpes nutella e fragole, con caffè americano ad accompagnare. Non giudicatemi, il caffè vero si sa che non esiste da queste parti!

La cerimonia dei giocatori e studenti All-America, il motivo primario del mio viaggio, si è svolta invece sabato. Completo elegante, medaglie, e sciarpa rossa marchiata “All-American” hanno reso il tutto molto professionale e coreografico. Per via delle mie due medaglie (sono stato premiato fra i migliori atleti dei college americani sia per meriti calcistici che scolastici), durante la mia seconda premiazione la presidente dell’associazione dei coach americani ha fatto scappare la battuta. “Ne vuoi un’altra?”

Una giornata così bella non la potevo terminare tristemente nel mio letto d’albergo. Quando mi ricapita di essere a Chicago tutto solo?! Ed ecco che allora la sera io e un paio di altri giocatori incontrati alla cerimonia abbiamo testato la nightlife di Chicago. Con la scusa di dover brindare ai nostri premi siamo andati avanti fino a notte inoltrata, facendo nuove conoscenze con gli studenti delle università nei dintorni. Stanco e con poche ore di sonno, il giorno dopo sono salito sull’aereo per fare ritorno alla mia cara Duke, dove da oggi si è tornato a fare sul serio.

Home! Sweet Home!

A casa è impossibile stare male!

È finita la pacchia. Dopo venticinque giorni di mangiate, dormite, e anche qualche bella lavorata, mi preparo a salire sul volo diretto a Raleigh-Durham, dove da mercoledì il binomio libri-pallone tornerà a dettare i ritmi della mia giornata americana.

Alternando palestra e campo da gioco, gli allenamenti a Duke riprendono col solito corso dal lunedì al venerdì mattina per i prossimi due mesi, e soltanto a marzo si tornerà a disputare qualche partita. I corsi di laurea saranno cinque questo semestre, e sulla carta quelli più entusiasmanti sono due. “Fact-Checking,” tenuto dal professore americano fondatore di “PolitiFact,” mi insegnerà le strategie per identificare e smantellare le fake news negli USA e in giro per il mondo, oltre a stimare il grado di verità delle affermazioni di politici e altre figure di spicco (President Trump in primis!); nell’altro corso, chiamato “Journalism and War,” esamineremo le insidie che affrontano i giornalisti nei paesi tormentati da guerre e dittature, dove la libertà di stampa è un miraggio e molti giornalisti sono visti come nemici dello stato dalle autorità. Specificamente capiremo i pericoli che questi reporters sono disponibili ad affrontare pur di raccontare la verità nelle loro storie: in questi paesi i cosiddetti “martiri del giornalismo” sono una realtà triste ma ammirabile.

Il bello dello Spring semester è che i weekend sono liberi, ed ho quindi più tempo per svagarmi. Il prossimo, per esempio, lo trascorro a Chicago. Da venerdì a domenica sarò, infatti, nella metropoli dell’Illinois per partecipare alla cerimonia degli All-Americans, l’evento organizzato dall’assemblea degli United Soccer Coaches durante la quale vengono premiati gli student-athletes che si sono distinti nel 2018. Io personalmente salirò sul palco per ricevere il premio di All-American sia come giocatore che come studente. Settimana prossima vi racconterò del mio soggiorno nella “città del vento” e di tutte le esperienze che questo speciale fine settimana sicuramente mi regalerà!

Qui sotto gli scatti più carini del mio periodo a casa