Duke, where Journalism Matters.

Personalità giornalistiche di caratura internazionale mi insegnano alcuni segreti della pratica. What an honor!

Settimana all’insegna del giornalismo a Duke.

Lunedì è venuto a trovarci in classe Tim Golden, famoso reporter investigativo per il New York Times. Due volte vincitore del premio Pulitzer, Golden è particolarmente rinomato per avere ottenuto file top-secret riguardanti il trattamento disumano nei confronti dei prigionieri iracheni per mano dell’esercito americano negli anni successivi agli attacchi dell’11 settembre 2001. Le storie più scottanti di Golden sono quelle sui centri di detenzione di Abu Ghraib, in Iraq, e Guantánamo Bay, a Cuba.

Mercoledì, invece, durante una lezione del corso di fact-checking, ci siamo collegati via Skype con fact checkers internazionali. Dalla Turchia, Baybars Örsek, nuovo direttore dell’International Fact-Checking Network (IFCN), ha spiegato il ruolo sociale che i fact checkers ricoprono in Turchia: questi non si occupano solo di verificare le frasi dei politici (come fanno i fact checkers nella maggior parte dei Paesi nel mondo), ma valutano anche la veridicità dei dubbi riguardanti temi importanti come l’economia, l’educazione, e la sanità. In collegamento dal Brasile, Cristina Tardáguila ci ha spiegato come lei abbia dovuto sopravvivere a minacce e insulti per fare fact-checking durante le turbolenti elezioni presidenziali del 2018. Alexios Mantzarlis, giornalista poliglotta e co-fondatore del sito italiano di fact-checking Pagella Politica, ha parlato di quando è andato live su Rai 2 per verificare frasi e dichiarazioni di alcuni politici italiani. Come ex direttore dell’IFCN, Mantzarlis ha anche spiegato i passi che un’organizzazione di fact-checking deve compiere per poter ambire ad essere un firmatario dell’IFCN.

Più politico il discorso di John Kelly giovedì a Duke. Capo di gabinetto della Casa Bianca e consigliere di Trump fino a gennaio 2019, Kelly è contrario alla costruzione del muro in Messico e identifica il clima di forte polarità in Congresso come il principale ostacolo per il decision-making del governo attuale.

Intanto lo spring break è arrivato, e si vede: il campus si è trasformato in un deserto. Io ho sfortunatamente dovuto rinunciare ai miei piani di allenarmi con una squadra della Major League Soccer. Per motivi logistici sono alla fine rimasto a Duke, e mi unirò ad una squadra di serie B americana in North Carolina per alcune sessioni di allenamento durante questa settimana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...