SuperDraft 2020

Si parla di Daft. Fonte http://www.mlssocceritalia.com

A Road Less Traveled to Duke

Student-athlete Daniele Proch embraced the unexpected in leaving Italy to come to Durham

Published on November 21st, 2019 on Duke Today, written by Gregory Phillips.
Link: https://today.duke.edu/2019/11/road-less-traveled-duke?utm_content=buffer6311b&utm_medium=social&utm_source=facebook.com&utm_campaign=buffer&fbclid=IwAR3KBlsfmaEjjjvnAo6RNGcI__XAcl_qjK-HQ4c8JoSsXzQ67rwUs5fFEB4

Duke offered Italian soccer player Daniele Proch opportunities he wouldn’t have had at home. “Duke opened up a new world for me.”

Since he was old enough to kick a ball, Daniele Proch has had his heart set on a career in soccer. But when his direct route to the pro leagues took a detour, Proch embraced the unexpected and seized the chance to take a different path – one that led him to Duke, and gave him a backup plan for once his professional soccer-playing days are over.

“Duke opened up a new world for me,” said the history major, who graduates in December.

Proch grew up in Riva Del Garda, a small town in northern Italy, where he started playing soccer at age 3 and dreamed of going pro. He got a spot at the academy for a professional team in Italy’s third tier, but it didn’t lead to a contract. A cousin suggested he apply for a soccer scholarship in the U.S.

“I didn’t know how to do that,” Proch said. But with some help, he landed a spot at Catawba College in western North Carolina. In August 2016, he flew to Charlotte without a phone that worked in the U.S., nor any idea what the coach who was picking him up even looked like.

“I left without knowing anything,” he said.

Proch’s skill on the field stood out at Catawba and his teammates encouraged him to apply to a Division I program.

“I had no idea how any of it worked,” Proch said. But still, he made contacts, and got an enthusiastic response from Duke, transferring to Durham in August 2017.

His three years on the field at Duke have him hoping to be picked up in the Major League Soccer draft in January. But regardless of how long his soccer career lasts, Proch said Duke has given him the tools for what comes after that.

“I didn’t know what I wanted to major in,” he said, “but I knew I wanted to be a journalist.”

Professors at the DeWitt Center for Media and Democracy helped set him on that path. Philip Bennett helped Proch secure a summer internship with Eight by Eight sports magazine in 2018. Then in 2019 Mark Stencel and Bill Adair – founder of Politifact – connected him with Pagella Politica, a fact-checking organization in Italy, for the summer.

Proch also found himself a regular guest on a local call-in radio show back in Italy. The show was hosted by a friend who was fascinated by Proch’s experiences as a foreign student in America. He shared comic dispatches from an NFL game, about Duke basketball (“They were surprised when I told them how big college sports are here”) and from his own ups and downs on the soccer field.

So many of Proch’s experiences were as new to him as they were to the audience back in Italy.

“The relationships with the professors here, hanging out with them, texting them – back home that’s something students don’t have,” he said.

Proch said his time at Duke has widened his perspective in ways he doubts would have happened if he hadn’t studied here.

“If I look back, I realize how closed minded I was,” he said. “Duke has taught me how to think critically.”

And while his spell at a soccer academy in Italy didn’t lead to the professional contract he craved, Proch said he regrets nothing.

“This is where life has taken me,” he said, “and I’m making the most out of all these chances.”

Sprint Finale

Le deadline per esami e temi finali incombono, e le biblioteche del campus – aperte 24 ore su 24 – vedono sempre più studenti passare le notti di fronte ai loro laptop, penna in una mano e bicchierone di caffè nell’altra.

A venti giorni da LDOC, “last day of class,” c’è ancora molto da fare qui a Duke per noi student-athletes. Ad eccezione dei cestisti! Duke Basketball è stata infatti eliminata ai quarti di finale della March Madness da Michigan State. Un fallimento che qua nel campus non è stato preso nel migliore dei modi, viste le alte aspettative di vittoria che tutti riponevano nella squadra. “The Fab Five,” così era stato definito il quintetto di Duke, alludendo ad una delle più forti squadre del college basketball di sempre.

Noi di Duke Soccer, un po’ annoiati dato che la stagione riprende ufficialmente ad agosto, siamo al momento impegnati in un torneo con le migliori squadre collegiali della costa est. Siamo appena tornati dalla South Carolina, dove sabato abbiamo giocato, e vinto ai rigori, contro Clemson. Questo mini torneo di otto squadre giungerà alla conclusione sabato prossimo, quando sfideremo la University of Virginia nella finale per il terzo o quarto posto. Queste partite sono tutte occasioni per migliorare quegli automatismi di squadra che, in un sistema calcio limitato come quello del college, sono davvero difficili da sviluppare.

Anche la scuola si approccia a tirare i conti. Le deadline per esami e temi finali incombono, e le biblioteche del campus – aperte 24 ore su 24 – vedono sempre più studenti passare le notti di fronte ai loro laptop, penna in una mano e bicchierone di caffè nell’altra. Dopodiché, anche per questo semestre, è tutto. Ancora quattro mesi e sarò un Duke graduate!

Quelli che come me si laureano a dicembre (un semestre prima del previsto), possono prendere parte alla cerimonia celebrativa già questo maggio. Qui in America gli studenti si laureano tutti insieme, e la festa, il cosiddetto “Commencement,” è unica per tutti i laureandi. Indosserò gown, tam & hood, o in altre parole il vestito nero che tanto abbiamo ammirato nei film e telefilm hollywoodiani. Domenica 12 maggio sarà giornata da foto ricordo!

Poi è tempo di estate, progetti calcistici, e, possibilmente, un altro tirocinio giornalistico. Ma ora basta fantasticare. C’è da pensare a finire in bellezza!

March Madness ’19

Quest’anno, però, gli dei del basket sembra abbiano voluto bilanciare i conti. Nella insidiosa gara contro la University of Central Florida, valida per i sedicesimi di finale della March Madness, l’ultima risata è spettata a noi.

Il tiro di Grayson Allen rimbalzò tre volte sul ferro. Mancava un secondo alla fine, il punteggio era in parità, e tutta la Duke tratteneva il fiato, pronta ad esplodere di gioia se quella palla fosse caduta all’interno della retina. Erano i quarti di finale della March Madness del 2018 e quel giro, quella maledetta palla, non entrò. Mentre a Duke tutti noi rimanemmo senza parole, il resto degli States celebrò ad alta voce la nostra eliminazione. I Blue Devils, si sa, sono odiati da tutti.

Quest’anno, però, gli dei del basket sembra abbiano voluto bilanciare i conti. Nella insidiosa gara contro la University of Central Florida, valida per i sedicesimi di finale della March Madness, l’ultima risata è spettata a noi.

Sulla carta è un match comodo, ma la difficoltà della partita si riassume in un nome: Tacko Fall, il centro di UCF che ha qualcosa in più degli altri. Non è particolarmente atletico. Non è nemmeno cestisticamente così intelligente da fare sempre la scelta giusta. Semplicemente, è una montagna di 7.6 piedi. Tradotto in termini familiari, un gigante di 231 cm che per schiacciare deve soltanto allungare il braccio: i 3.05 metri del ferro arancione sono decisamente pochi per uno di questa taglia.

Tutto quello che rimbalza intorno ai canestri è suo. Non è il miglior realizzatore (finirà il match con 15 punti, dietro alla sua guardia con 32), ma piuttosto una minaccia costante, viste le numerose – e capibili – difficoltà che i Blue Devils incontrano nel marcarlo. Zion WIlliamson, l’animale di 6.7 piedi e 284 pound di Duke che aveva fino a questo momento sovrastato tutte le difese americane, sembra un ragazzino a confronto di Fall.

Coach K sa che serve costringere Fall al “foul out,” ovvero l’espulsione per somma di falli, la quale avviene a pochi secondi dalla sirena: quanto basta per impedire al gigante di UCF di catturare quell’ultimo rimbalzo che avrebbe potuto dare la vittoria a UCF. Sotto 77-76 ma con la palla in mano, UCF ha infatti l’ultima chance del match a 11 secondi dal termine. Il tiro rimbalza sul ferro due volte, per poi essere catturato da un giocatore con la maglia dello stesso colore: l’esito non cambia. La palla non fa splash, e la sirena suona. Nonostante una rosa che sulla carta dovrebbe schiacciare in scioltezza ogni avversario, Duke avanza agli ottavi di finale con tante sofferenze e altrettante incertezze.

Per gli studenti di Duke conta solo la vittoria, e il morale rimane quindi giustamente alto nel campus. Manca un mese alla fine delle lezioni, dopodiché sarà tempo di esami finali e, per me, graduation. Io intanto sto giungendo al termine di una settimana impegnativa, la quale si concluderà in grande stile venerdì con l’Aperitivo con gli Amici. Si tratta di un evento mensile durante il quale gli italiani che vivono o lavorano in zona si riuniscono in un bar o ristorante e fanno quello che sanno fare meglio: apericena. Ricercatori, dottori, studenti che inseguono il PhD, ma anche famiglie e student-athletes: la componente demografica è molto variegata. L’obiettivo è ritrovarsi per una serata in compagnia e discutere del più e del meno, fare networking, ridere, e sorseggiare vini e birre rigorosamente importati da cantine o birrerie italiane. Di tanto in tanto fa bene respirare l’aria di casa!

Duke, where Journalism Matters.

Personalità giornalistiche di caratura internazionale mi insegnano alcuni segreti della pratica. What an honor!

Settimana all’insegna del giornalismo a Duke.

Lunedì è venuto a trovarci in classe Tim Golden, famoso reporter investigativo per il New York Times. Due volte vincitore del premio Pulitzer, Golden è particolarmente rinomato per avere ottenuto file top-secret riguardanti il trattamento disumano nei confronti dei prigionieri iracheni per mano dell’esercito americano negli anni successivi agli attacchi dell’11 settembre 2001. Le storie più scottanti di Golden sono quelle sui centri di detenzione di Abu Ghraib, in Iraq, e Guantánamo Bay, a Cuba.

Mercoledì, invece, durante una lezione del corso di fact-checking, ci siamo collegati via Skype con fact checkers internazionali. Dalla Turchia, Baybars Örsek, nuovo direttore dell’International Fact-Checking Network (IFCN), ha spiegato il ruolo sociale che i fact checkers ricoprono in Turchia: questi non si occupano solo di verificare le frasi dei politici (come fanno i fact checkers nella maggior parte dei Paesi nel mondo), ma valutano anche la veridicità dei dubbi riguardanti temi importanti come l’economia, l’educazione, e la sanità. In collegamento dal Brasile, Cristina Tardáguila ci ha spiegato come lei abbia dovuto sopravvivere a minacce e insulti per fare fact-checking durante le turbolenti elezioni presidenziali del 2018. Alexios Mantzarlis, giornalista poliglotta e co-fondatore del sito italiano di fact-checking Pagella Politica, ha parlato di quando è andato live su Rai 2 per verificare frasi e dichiarazioni di alcuni politici italiani. Come ex direttore dell’IFCN, Mantzarlis ha anche spiegato i passi che un’organizzazione di fact-checking deve compiere per poter ambire ad essere un firmatario dell’IFCN.

Più politico il discorso di John Kelly giovedì a Duke. Capo di gabinetto della Casa Bianca e consigliere di Trump fino a gennaio 2019, Kelly è contrario alla costruzione del muro in Messico e identifica il clima di forte polarità in Congresso come il principale ostacolo per il decision-making del governo attuale.

Intanto lo spring break è arrivato, e si vede: il campus si è trasformato in un deserto. Io ho sfortunatamente dovuto rinunciare ai miei piani di allenarmi con una squadra della Major League Soccer. Per motivi logistici sono alla fine rimasto a Duke, e mi unirò ad una squadra di serie B americana in North Carolina per alcune sessioni di allenamento durante questa settimana.